21 Ago 2017

CINECOMEDY in Japan 3 ottobre-30 novembre 2017

/
Posted By
/
Comments0

CINE COMEDY in Japan 3 ottobre-30 novembre 2017
proiezioni ore 17.00 o 19.00

Nella storia della cinematografia giapponese la commedia vanta un ruolo di tutto rispetto e non sono poche le serie di successo che sfiorano cifre da record: prima tra tutte la celeberrima commedia di sentimenti Otoko-wa tsuraiyo (E’ duro essere un uomo), di Yoji Yamada – 48 episodi realizzati fra il 1969 e il 1995 con protagonista un venditore ambulante in perenne viaggio lungo tutto il Giappone – o anche Tsuribakanisshi (Free and Easy, lett. Diario di bordo di un pescatore dilettante), una sequela di 20 episodi (tratta da un famoso manga di Juzo Yamazaki) incentrata su un impiegato, il suo boss e la comune passione per la pesca, uscita con cadenza annuale tra il 1988 e il 2009, e, come la precedente, accolta sempre con entusiasmo da un pubblico ormai fidelizzato e curioso di seguire le nuove avventure dei loro beniamini.
La rassegna d’autunno attinge al fortunato filone delle kigeki (commedie), proponendo quattro recenti film di successo, all’insegna del buonumore, tra cui il vivace La La La at Rock Bottom di Nobuhiro Yamashita – non nuovo al genere della commedia musicale già sperimentata con Linda Linda Linda (2005) – e Mohican Comes Home di Shuichi Okita, già presentato all’Isola Tiberina lo scorso anno in occasione del festival L’Isola del cinema (edizione 2016) dopo il fortunato passaggio al Far East Film Festival di Udine (XVIII edizione) dove ha conquistato il terzo premio dell’AUDIENCE AWARD 2016. Come suggerisce il titolo, che fa riferimento al film di Kinoshita Carmen torna a casa (1951), è la storia di uno dei molti ritorni nei luoghi d’origine di giovani giapponesi che tentano la strada del successo nella capitale.
Altro titolo in programma – da non perdere – è The Projects (Danchi, 2016) scritto e diretto da Junji Sakamoto, esilarante rappresentazione della vita condominiale di un caseggiato popolare (danchi) dove niente sfugge all’occhio dei residenti, pettegoli e curiosi – come ovunque nel mondo – nei confronti di ogni nuovo arrivato. L’atteggiamento impenetrabile dell’anziana coppia protagonista che si trasferisce nel danchi, offre spunto per la fervida immaginazione di tutti i condomini che, di certo, non brillano per discrezione. A vestire i panni del protagonista maschile, Seiji, lo straordinario attore Ittoku Kishibe, interprete di oltre 140 film di successo e molto popolare in Giappone.
Il tema dello scambio di identità – un classico all’interno della commedia – è alla base del film Key of Life (Kagidorobo no messoddo, 2012), un mix di suspense, azione e sentimento dall’effetto esilarante, scritto e diretto da Kenji Uchida (A Stranger of Mine, 2005 e After School, 2008).
Accanto ai quattro titoli recenti (nuove acquisizioni delle Japan Foundation Film Library) saranno riproposti tre pellicole in 16mm della Cineteca dell’Istituto Giapponese, che spaziano da storie di spettri (Il fantasma del pub, 1994) – tema caro alla tradizione giapponese – al black humour di Segreto di famiglia (1992), fino a commedie amare (Bande di teppisti a Kishiwada, 1996), trampolino di lancio di due degli attori più popolari nell’ambito della commedia giapponese, Hiroyuki Yabe e Takashi Okamura. Tutti i film, sette in totale, sono presentati in versione originale giapponese, con sottotitoli in italiano. I titoli più recenti hanno il doppio sottotitolo in italiano e inglese.


mar 3 ottobre ore 17.00, gio 9 novembre ore 19.00
Il fantasma del pub / Izakaya yūrei / 居酒屋ゆうれい
di Takayoshi WATANABE
1994 | 110’ | colore | 16mm | sottotitoli in italiano ©Argopictures

Brillante commedia sul tema dell’amore, dei fantasmi e del gioco d’azzardo, realizzata nel tipico stile delle produzioni Shochiku, la più antica casa cinematografica nipponica, nota per il sapiente equilibrio tra finzione cinematografica e situazioni ordinarie. La storia ruota attorno alle vicende di Sotaro, marito della bellissima e amabile Satoko. Sotaro – uomo buono e gentile – gestisce un bar stile giapponese (izakaya) dove tutto si svolge nella più tranquilla normalità fino al momento in cui una serie di vicende, intrecci e malintesi porterà lo scompiglio generale.
Un film che, con il giusto ritmo, mostra la complessità dei rapporti umani e riconduce al tema classico delle storie di spettri, care alla tradizione letteraria giapponese.


ven 6 ottobre ore 19.00, ven 10 novembre ore 17.00
Bande di teppisti a Kishiwada / Kishiwada shonen gurentai – Boys, be ambitious! / 岸和田少年愚連隊
di Kazuyuki Izutsu
1996| 106’ | colore | 16mm | sottotitoli in italiano ©Shochiku

Ambientato a metà degli anni ’70 a Kishiwada, cittadina a sud di Osaka, il film racconta le azioni di bande giovanili locali, impegnate in attacchi e scorribande. Chumba e i suoi amici Kotetsu, Akira, Sanda e Gaira sono attaccati di sorpresa da una gang rivale e non tardano a preparare la vendetta. A ogni azione degli uni segue l’inasprimento e la rappresaglia indispettita degli altri, in lotte senza fine portate avanti per futili motivi. Oltre ai vari episodi di delinquenza giovanile il film mostra, con approccio quasi documentario, i luoghi di divertimento e di ritrovo dei ragazzi cresciuti nei sobborghi di Osaka: campetti di calcio, piscina, bar e ristoranti di okonomiyaki (piatto tipico della regione del Kansai). A interpretare i due personaggi principali del film, Chumba e Kotetsu, sono Hiroyuki Yabe e Takashi Okamura – entrambi di Osaka – all’inizio di una brillante carriera che li ha consacrati tra i volti più noti della commedia contemporanea.


mar 10 ottobre ore 17.00, gio 16 novembre ore 19.00
Segreto di famiglia / Hikinige famiri / ひき逃げファミリー
di Toshiyuki MIZUTANI
1992 |100’| colore | 16mm | sottotitoli in italiano

Un incidente di macchina, in cui rimane coinvolta una ragazza, dà il via a una serie di comici sotterfugi per nascondere il responsabile dell’accaduto che, preso dal panico, invece di prestare soccorso fugge a casa confessando il fatto alla moglie. L’originale idea messa in atto dai coniugi per eliminare le prove e la ritrovata complicità familiare per tentare di coprire il colpevole sono enfatizzate da un audace black humour, che rivela nelle pieghe più nascoste dell’ironia un’occhiata acuta e satirica sulla famiglia giapponese moderna: afflitta da diversi malesseri, la famiglia sembra infatti mantenersi unita solo quando c’è necessità di nascondere un segreto e tende alla normalità solo quando evade totalmente dalla realtà quotidiana.


gio 12 ottobre ore 19.00 mar 21 novembre ore 17.00
La La La at Rock Bottom / Misono Universe / 味園ユニバース
di Nobuhiro YAMASHITA
2014 |103’ | colore | bluray | sottotitoli in italiano e inglese

(c)2015 “Misono Universe” Film Partners

(c)2015 “Misono Universe” Film Partners

Shigeo, un ragazzo dal passato oscuro appena uscito di prigione, interrompe il concerto live di una band, si impossessa del microfono e intona una canzone a cappella con una potenza tale che, sul finale, cade tramortito. Kasumi, la giovane agente della band, si prende cura del cantante sconosciuto colto da amnesia e lo propone come nuova voce del gruppo. Man mano che i motivetti musicali, sapientemente distribuiti nel film, diventano orecchiabili per lo spettatore e la musica gioca il suo ruolo catartico sul protagonista, il passato tragico di Shigeo pericolosamente riaffiora e minaccia il suo desiderio di riscatto. Il regista Yamashita, già autore di Linda Linda Linda (2005), film incentrato su una band tutta al femminile e su una canzone del gruppo punk The Blue Hearts, affida questa volta il ruolo di Shigeo/Pooch a un vero cantante professionista, Subaru Shibutani, famosa icona pop e vocalista del gruppo Kanjani Eight, perfetto nel ruolo di personaggio borderline geniale e pericoloso. Il titolo fa riferimento al club Universe, dove si esibiscono molte band dal vivo e che sorge all’interno dell’edificio Misono, a Osaka.


mar 17 ottobre ore 17.00 gio 23 novembre ore 19.00
Key of Life / Kagidorobo no mesoddo / 鍵泥棒のメソッド
di Kenji UCHIDA
2012 |128’ | colore | bluray | sottotitoli in italiano e inglese

(c)2012"Key of Life" Film Partner

(c)2012″Key of Life” Film Partner

Key of Life è una commedia noir esilarante, basata su equivoci, scambi di identità e intrecci narrativi ben intessuti, frutto di una sceneggiatura che è stata riconosciuta tra le migliori della stagione cinematografica 2012, premiata al 15th Shanghai International Film Festival e con il Japan Academy Prize nel 2013. Tre i personaggi principali che danno vita a situazioni comiche e paradossali: Takeshi, giovane squattrinato con il sogno di diventare attore, sull’orlo del suicidio; Kondo, killer di professione, ricchissimo, presentato nell’incipit del film dopo aver appena freddato la vittima di turno; accanto ai due borderline, la timida Kanae, giornalista che scrive per una rivista di articoli di lusso, in cerca di un marito. Brillante dall’inizio alla fine, con un piccolo tocco di romanticismo che non guasta, Key of Life è una commedia tutta da gustare.


ven 20 ottobre ore 19.00 mar 28 novembre ore 17.00
Mohican Comes Home / Mohikan kokyo ni kaeru / モヒカン故郷に帰る
di Shuichi OKITA
2016 |125’| colore | bluray | sottotitoli in italiano e inglese
©2016 ”Mohican Comes Home” Film Partners

(c)2016 "The Mohican Comes Home" Production Partners, LLC

(c)2016 “The Mohican Comes Home” Production Partners, LLC

Per la concessione dei sottotitoli in italiano del film Mohican Comes Home, a cura della Underlight Trieste, si ringrazia Evelyn Dewald.

Audience Award 2016 (terzo premio) al Far East Film Festival 18, Mohican Comes Home (Mohican Kokyo ni Kaeru) ricorda nel titolo – e nel riferimento al fenomeno dei giovani che dalle realtà più periferiche e conservatrici dell’arcipelago si trasferiscono a Tokyo in cerca di fortuna – il celebre film di Keisuke Kinoshita Carmen torna a casa (Karumen Kokyo ni Kaeru, 1951), primo lungometraggio a colori nella storia del cinema giapponese. Protagonista questa volta è Eikichi, un giovane che lascia la sua cittadina nella prefettura di Hiroshima per cercare successo nella capitale come cantante rock. In sette anni la sua band non riesce tuttavia ad affermarsi e il ragazzo – che di quella esperienza conserva un atteggiamento scanzonato e il taglio di capelli da mohicano – decide di tornare a casa, portando con sé la fidanzata, Yuka, interpretata dalla popolarissima attrice Maeda Atsuko, già applauditissima cantante del gruppo idol AKB48 e oggi tra le giovani interpreti più amate dal pubblico giapponese. La storia si dipana con umorismo coinvolgente e sul sottofondo di melodie punk-rock, pur senza trascurare sentimenti universali e dinamiche familiari che si riscoprono simili a ogni latitudine.


gio 2 novembre ore 17.00 gio 30 novembre ore 19.00
The Projects / Danchi / 団地
di Junji SAKAMOTO
2016 |103’ | colore | bluray | sottotitoli in italiano e inglese

Dopo aver chiuso il loro negozio di erbe medicinali, gli anziani coniugi Hinako e Seiji si trasferiscono in una casa popolare all’interno di un enorme caseggiato (danchi) alla periferia di Osaka, tipico ambiente in cui ogni pretesto è buono per dar adito a pettegolezzi, battibecchi o per intromettersi nelle vicende private dei vicini. Motivo per cui l’arrivo nel danchi della coppia con la loro aria sconsolata attira subito la curiosità dei coinquilini e, quando Seiji misteriosamente scompare, nel caseggiato si scatenano tutte le possibili ipotesi: divorzio, omicidio, smembramento? Man mano che il fatto sfugge al controllo si scopre che la verità è ancora più irreale del gossip. Uno dei film più belli del 2016, che oscilla tra la commedia degli equivoci, dell’assurdo e un romanzo di vita.

© 2016 "The Projects" Film Partners

© 2016 “The Projects” Film Partners

Immagine in evidenza:(c)2016 “The Mohican Comes Home” Production Partners, LLC