Hitoiki - Parole del direttore

13 Nov 2013

L’Ukiyo-e attraversa l’oceano

/
Posted By
/
Comments0

Ukiyo-e attraversa l’oceanoSi è conclusa la speciale stagione dei festeggiamenti per il 50.imo anniversario della fondazione dell’Istituto Giapponese di Cultura, con lo spettacolo Sugimoto Bunraku: “Sonezaki shinju” presso il Teatro Argentina il 4 e 5 ottobre. Abbiamo organizzato in tutti 13 eventi celebrativi, tra cui la mostra Arte in Giappone 1868-1945, che ha segnato l’inizio dei progetti commemorativi e il Bunraku a chiudere. Vorrei ringraziare collaboratori, sostenitori, partecipanti e tutti i coinvolti che ci hanno supportato nella realizzazione delle nostre iniziative. (Chiunque avesse perso le mostre o lo spettacolo, può trovare in Istituto cataloghi e programma dello spettacolo ancora disponibili).

Ma la stagione continua, e si arricchisce. Più di 3 anni fa, nella primavera del 2010, poco prima che partissi dal Giappone per l’Italia per assumere il nuovo incarico di direttore di questo Istituto, ebbi l’occasione di visitare una mosta di Ukiyo-e a Tokyo. Si trattava delle opere di proprietà di due collezionisti italiani, selezionate circa un secolo prima. Rimasi colpito dal fatto che i visitatori italiani del Giappone di cento anni fa avessero raccolto tante stampe di pregio, scegliendole in base al loro senso artistico e al loro gusto personale.
Da allora fu mio desiderio presentare la mostra di Tokyo al pubblico italiano, qui, presso il nostro Istituto: Un tesoro svelato dell’Ukiyo-e, in corso fino al 14 dicembre, è la realizzazione delle mie aspettative, attraverso l’esposizione delle opere di uno dei due collezionisti italiani presenti allo Itabashi Art Museum di Tokyo. Colpiscono, nella mostra romana, non solo le opere dei maestri Hiroshige, Kuniyoshi, Kunisada ma anche le stampe per bambini, rare poiché destinate al gioco, e dunque introvabili persino in Giappone.

Un’occasione preziosa dunque di ammirare bellissime stampe giapponesi del periodo Edo, appartenenti a una collezione privata italiana; fogli stampati che hanno attraversato l’oceano per rivelarci l’arte, la società e l’estetica del Giappone premoderno.

Fumio Matsunaga
Direttore dell’Istituto Giapponese di Cultura in Roma
19 novembre 2013

Leave a Reply