20 Nov 2019

Concerto di chitarra solo May Inoue European Tour 2019, venerdì 6 dicembre 2019 ore 19.00

//
Comments0

L’Istituto Giapponese di Cultura è spiacente dover comunicare che a causa della cancellazione del volo sul quale avrebbe dovuto viaggiare il chitarrista May Inoue, il concerto previsto stasera venerdì 6 dicembre alle ore 19.00 è stato ANNULLATO e non sarà possibile replicarlo. Ci scusiamo con il pubblico.

L’Istituto Giapponese di Cultura
in collaborazione con Jazz Convention

presenta

 May Inoue European Tour 2019

Dopo i primi approcci musicali attraverso pianoforte e percussioni, May Inoue trova nella chitarra il suo mezzo espressivo più congeniale, appassionandosi prima al rock e virando poi decisamente al jazz, un genere all’interno del quale si muove oggi con eloquente padronanza, grazie a un fraseggio fluido e prorompente che si è subito imposto all’attenzione del pubblico e dei colleghi musicisti fin dalle sue prime esibizioni nei Jazz Club di Tokyo, dove ha iniziato la sua attività. Tra i giovani chitarristi più promettenti del momento, per la prima volta a Roma, May proporrà un concerto di chitarra solo, con brani virtuosistici della tradizione jazz e pezzi di sua composizione.

 

MAY INOUE, chitarrista e compositore

Diplomato al Berklee Music College negli Stati Uniti, a soli 28 anni May Inoue ha già all’attivo 5 album solisti e vanta registrazioni accanto a grandi nomi della chitarra come Kazumi Watanabe e Kurt Rosenwinkel.

Il suo disco d’esordio per la EMI Record, First Train, gli è valso in Giappone il riconoscimento di “Album of the Year” nel 2011, che va ad aggiungersi agli altri premi e apprezzamenti ottenuti in patria fin dal suo esordio professionale nel 2008.

May Inizia lo studio della chitarra a 15 anni da autodidatta, imitando i suoi musicisti preferiti, come Jeff Beck, Jimmy Page, Eric Clapton e Jimi Hendrix. Due anni dopo, in occasione del concerto a Tokyo di Mike Stern, matura la consapevolezza di volersi dedicare alla chitarra jazz. E sarà proprio il May Inoue Trio, a distanza di una decina di anni da quel folgorante incontro, ad aprire il concerto di Mike Stern al Ronnie Scott ‘s Jazz Club di Londra nel 2018.

Senza contare le richieste che gli giungono numerose da altri musicisti per collaborazioni e registrazioni, May è impegnato quasi quotidianamente in Giappone in concerti di chitarra solo, alla guida del May Inoue Trio o accompagnato dalla sua band Stereo Champ.

Il mese di novembre 2018 lo ha visto impegnato in una serie di workshop e concerti nel Regno Unito, promossi da Yokohama Calling, una società di produzione no-profit operante nell’universo del jazz e della musica contemporanea, fondata da un team anglo-giapponese per favorire collaborazioni tra strumentisti di entrambi i paesi.

È all’interno di questo progetto che May Inoue ha avuto occasione di esibirsi – in diverse formazioni- con Jason Rebello, Davide Mantovani, Jay Phelps, Kaz Rodriguez, Julian Crampton, Andrew Small e Julian Burdock, anche all’interno del già menzionato Ronnie Scott’s, uno dei più storici jazz club londinesi. Alcuni di questi concerti sono disponibili su You Tube.