10 Feb 2020

MICHIKO, PONTE FRA ORIENTE e OCCIDENTE

/
Posted By
/
Comments0

Omaggio a Hirayama Michiko

concerto/simposio/mostra
giovedì 27 e venerdì 28 febbraio 2020
a cura di
Istituto Giapponese di Cultura e Fondazione Isabella Scelsi

da un’idea di
Kubo Mayako e Ota Maki

Hirayama Michiko interprete della Madame Butterfly (1957)

La manifestazione intende celebrare la memoria del soprano Hirayama Michiko (1923- 2018), versatile interprete sia del repertorio occidentale (contemporaneo in particolare) che della tradizione musicale giapponese, protagonista della scena musicale delle avanguardie del XX secolo e sodale collaboratrice di Giacinto Scelsi.

L’omaggio a Hirayama – articolato in due giornate e in due diverse sedi – è stato organizzato in collaborazione e con la consulenza scientifica della Fondazione Isabella Scelsi che ha ricevuto in dono dalla cantante stessa l’intero lascito artistico costituito da partiture, programmi di sala, rassegna stampa, appunti, strumenti musicali e molto altro.

Il Fondo Michiko Hirayama – conservato nell’Archivio Storico della Fondazione Isabella Scelsi – è giacimento prezioso per esplorare la poliedrica personalità dell’interprete giapponese e trasmetterne la memoria alle generazioni future.

 


Giovedì 27 febbraio 2020 ore 20.30

CONCERTO
Auditorium ISTITUTO GIAPPONESE DI CULTURA
Via A. Gramsci, 74 – 00197 Roma
con

Ota Maki (voce)
Virginia Guidi (voce)
Gianni Trovalusci (flauto)
Daniele Roccato (contrabbasso)
Antonio Caggiano (percussioni)
Gianluca Ruggeri (percussioni)
Arianna Granieri (pianoforte)

in programma brani di

Giacinto Scelsi, Domenico Guaccero, Matsudaira Yori-Aki, Kubo Mayako, Hosokawa Toshio
In apertura di serata proiezione di un breve video commemorativo in onore di Hirayama Michiko

ingresso libero – info: 063224794  –  info@jfroma.it


Ven 28 febbraio 2020 ore 9.30- 16.00

GIORNATA DI STUDIO e MOSTRA
FONDAZIONE ISABELLA SCELSI
Via di San Teodoro, 7 – 00186 Roma

ore 9.30 inizio sessione di studio mattutina con interventi di:
Hirayama Koichi (nipote di Michiko), Kubo Mayako, Ota Maki,Alessandro Mastropietro, Alessandra Carlotta Pellegrini,Daniela Tortora, Valentina Valentini, Daniele Vergni,Daniele Roccato, Gianni Trovalusci

ore 14.00 inaugurazione del percorso espositivo

MICHIKO, PONTE FRA ORIENTE e OCCIDENTE
e testimonianze di amici e collaboratori di Michiko

(lingua del seminario: italiano e inglese)
ingresso libero – info 06.69920344 – fondazione@scelsi.it


Alla ideazione e realizzazione del progetto hanno collaborato:

Irmela Heimbächer, Alessandra Carlotta Pellegrini, Kubo Mayako, Ota Maki, Nishibayashi Masuo, Takeshita Jun, Machida Tomoko e Isabella Lapalorcia


 

Michiko HIRAYAMA

Nata a Tokyo nel 1923. Parallelamente all’avvio della sua carriera teatrale in Giappone, completa gli studi di musica all’Università delle Arti di Tokyo. Nel 1953 giunge in Italia con una borsa di studio, e qui prosegue la sua formazione di cantante soprano all’Accademia di Santa Cecilia di Roma, all’Accademia Chigiana di Siena e al Mozarteum di Salisburgo. Solca in questi anni i palcoscenici di tutta Europa come cantante lirica, in particolare come interprete della Madame Butterfly di Giacomo Puccini. Negli anni ’60 Hirayama si stabilisce definitivamente a Roma dove ha occasione di conoscere il compositore Domenico Guaccero che la introduce negli ambienti della musica contemporanea, alla quale decide di dedicarsi stabilendo rapporti di profonda collaborazione con molti compositori d’avanguardia. Di grande rilevanza il sodalizio artistico con Giacinto Scelsi, che per lei compone I Canti del Capricorno tra il 1962 e 1972. La sua particolare e unica estensione vocale, che all’impostazione di canto all’europea unisce anche molte tecniche della tradizione giapponese, è stata un terreno fertile per la sperimentazione. Hirayama ha registrato per la Decca, Philips, CRI, Wergo e molte altre etichette discografiche.

Dal carattere forte e volitivo, ha cantato fino a tarda età, partecipando a numerosi concerti organizzati in Giappone per celebrare i suoi 90 anni di età. È scomparsa a Roma il 1 aprile 2018.

Il suo lascito artistico è conservato presso l’Archivio Storico della Fondazione Isabella Scelsi che lo ha ricevuto in dono dall’artista stessa. Dal 2016 la Fondazione Isabella Scelsi ha istituito una borsa di studio intitolata a Hirayama Michiko, rivolta a giovani cantanti meritevoli che intendano dedicarsi all’approfondimento della vocalità contemporanea.

Foto© Fondazione Isabella Scelsi